Kala Namak - sale nero dell’Himalaya

€ 0,00
Barattolo da 50g
Barattolo da 100g

Origine
Il sale Kala Namak deve il suo nome alla struttura delle formazioni di sale di roccia da cui è estratto. Namak, infatti, in lingua farsi, iraniana, significa ghiacciaio. È anche conosciuto come sale nero indiano ed è chiamato Sanchal. Questo sale Kala Namak viene estratto dalla miniere presenti lungo la catena himalayana dove si trovano i depositi di sale fossile più antichi al mondo. Questi, infatti, si sono originati nell’era giurassica 250 milioni di anni fa, quando al posto di un’enorme catena montuosa c’era un immenso mare salato. Con la deriva dei continenti, i metri e metri d’acqua salata sono stati ricoperti di terra e roccia e il deposito di sale che ne è derivato si è compattato a 3000 metri di altitudine formando le più grandi miniere di sale a mondo.

Caratteristiche
Il Kala Namak è conosciuto come sale nero, anche se in realtà è caratterizzato da un colore rosa-violaceo.
Si tratta di un sale integrale di origine minerale proveniente da rocce vulcaniche che gli conferiscono un forte aroma, un gusto sulfureo e un alto valore oligominerale. Contiene, infatti, molti minerali, fra cui calcio, magnesio, fosforo, potassio, zinco, rame, zolfo e ferro, facilmente assorbibili dall’organismo.
Ricorda, infatti, l’odore di tuorlo d’uovo e pepe che scompare in seguito alla cottura. Il Kala Namak è riconosciuto anche per la proprietà terapeutica di ridurre i bruciori di stomaco.

In cucina
Questo sale è molto utilizzato nella cucina indiana sia come ingrediente sia come condimento. È particolarmente indicato nelle fritture, nelle zuppe e, come tocco originale, nella macedonia di frutta o negli aperitivi e cocktail.
Per eliminare l’odore di tuorlo d’uovo è preferibile sottoporlo a cottura.